Picolit

DOP FRIULI COLLI ORIENTALI

Vitigno autoctono friulano a bacca bianca, antichissimo, già coltivato in epoca imperiale romana, ebbe l’onore di deliziare i palati di Papi e Imperatori, sicuramente per il suo carattere molto nobile.

Il vitigno è caratterizzato da produzioni limitatissime dovute a particolari sviluppi degli acini, i quali vanno incontro ad un parziale aborto floreale, lasciando il grappolo spargolo con acini piccoli e dolci. Questo causa rese per ettaro molto basse, fattore importante per la qualità.

La vendemmia 2006 è la prima a D.O.C.G. “Colli Orientali del Friuli – Picolit”: grazie all’identificazione del particolar pregio, il Picolit è infatti la seconda D.O.C.G. della regione Friuli Venezia Giulia.

UVE:100% picolit.
VENDEMMIA:rigorosamente manuale, con estrema selezione in cassetta per appassimento.
VINIFICAZIONE:Ultimato il periodo in cella di appassimento che dura circa 20 giorni a temperatura e umidità controllata, avviene una spremitura molto soffice, seguita dalla fermentazione a temperatura controllata.
ALLEVAMENTO:guyot, cappuccina
COLORE:Giallo oro antico intenso.
PROFUMO:delizioso e incantatore: dopo le iniziali nuances di miele, vi si colgono pennellate di crema pasticcera, pesca e albicocca mature. Molto complesso, oltre a note fruttate si sentono anche note floreali di ginestra e di tiglio.
GUSTO:vino dolce, al palato offre sensazioni uniche. Armonico, piacevolmente grasso, equilibrato, possiede un ottima gradazione alcolica e acidità. Il retrogusto è persistente con sensazioni fruttate che ricordano i profumi al naso.
ABBINAMENTI:Emoziona sia bevuto da solo, conversando, sia abbinato con piatti a base di ostriche o tartufi di mare. Si unisce sontuosamente a formaggi forti e grassi come il Formadi frant di Carnia, il Gorgonzola e il Taleggio maturo. Si accosta anche a qualche dolce, soprattutto a pasticceria secca.
SERVIRE A:Da servire a 15° C